Il mais Marano

Mais Marano, un celebre vicentino

mais marano

In un momento in cui si parla con apprensione dei possibili effetti dell'impiego in agricoltura degli organismi geneticamente modificati è significativo ricordare come cent'anni fa Antonio Fioretti, benemerito agricoltore da Marano Vicentino, procedette a selezionare un tipo di mais che si adattasse al meglio alle terre ghiaiose e asciutte del Leogra. Punto di partenza erano due varietà già acclimatate: come impollinante, il Nostrano, un mais precoce molto diffuso, con pannocchia conica, corta e non molto colorita; come portaseme, il Pignoletto d'Oro, proveniente da Rettorgole di Caldogno, caratterizzato da chicchi vitrei e quasi rossi, dai quali si traeva una farina di qualità superiore. Il prodotto dell'incrocio venne seminato l'anno successivo nel podere Fioretti e così si fece per oltre vent'anni allo scopo di fissarne i caratteri e di accrescerne la fertilità e la produttività. La selezione veniva fatta poco prima della raccolta, in un appezzamento situato nel centro del podere, dove era minore la possibilità di impollinazioni indesiderate. Si sceglievano le piante più robuste, di altezza leggermente inferiore alla media e portanti almeno due pannocchie.

La varietà risultante, giusto compromesso tra rusticità e rendimento, come sappiamo, ebbe notevolissima fortuna in Italia e nel mondo. È il mais Marano che ancora oggi è custodito nella banca del germoplasma dell'Istituto di Genetica e Sperimentazione Agraria Strampelli di Lonigo. Per attenerci alla terminologia tecnica, la prima cosa da dire è che trattasi di una varietà a impollinazione libera e non, come ormai consuetudine, un ibrido. La scheda tipologica descrive una pianta di taglia media, alta tra 180 e 200 cm, con stelo esile ma di notevole resistenza al vento, con nodi ravvicinati e foglie numerose. Le pannocchie sono di norma due, ma non di rado fino a cinque, protette da brattee fini e molto aderenti; hanno misure modeste, forma allungata (14-18 cm) quasi cilindrica (circonferenza alla base 11-12 cm, all'apice 7-7,5). I chicchi sono tondeggianti e serrati, di un bel colore rosso aranciato, lucidi e a frattura vitrea; sono disposti in file spiralate, destrogire o sinistrogire, ma talvolta anche dritte; danno ottima e abbondante farina con una percentuale di proteine più alta della norma. Dal punto di vista agronomico il Marano si adatta particolarmente ai terreni sciolti, ciottolosi e ghiaiosi, poco profondi. È un mais di modeste esigenze, tanto da sopportare prolungati periodi di siccità, e di notevole generosità, reggendo investimenti da 4 a 6 piante per mq a seconda del suolo. Ulteriore vantaggio è la maturazione precoce, raffrontabile con quella di un ibrido classe Fao 300. Nel complesso è una varietà di resa molto apprezzabile, non tanto in quantità rispetto ai più recenti ibridi, sicuramente in qualità organolettiche, chimiche e molitorie della granella.

mais marano logo

Quanto all'inquadramento normativo, la parola passa al Consorzio di Tutela Mais Marano, istituito tra l'altro per sostenere la procedura per il riconoscimento comunitario dell'Indicazione Geografica Protetta (IGP). Alla base della richiesta si pone un disciplinare di produzione che specifica i termini geografici e agronomici della coltivazione. Si parte dai comuni compresi nella zona tipica: innanzitutto Marano Vicentino e poi, da ovest a est, Schio, San Vito di Leguzzano, Malo, Torrebelvicino, Valli del Pasubio, Santorso, Piovene Rocchette, Monte di Malo, Zanè, Thiene, Zugliano, Sarcedo, Breganze, Mason, Molvena e Pianezze. Seguono varie specifiche tra cui la raccomandazione di seguire i dettami della cosiddetta "lotta integrata", che prevede il ricorso minimo a prodotti chimici di sintesi dalla fertilizzazione al diserbo. Quanto al prodotto finale, sono previsti due tipi: la farina di Mais Marano Vicentino e la farina integrale di Mais Marano Vicentino macinata a pietra; per entrambe è prevista la menzione aggiuntiva "proveniente da agricoltura biologica", qualora certificata a norma di legge. A tutela del consumatore il disciplinare prevede anche un periodo di commercializzazione limitato tra settembre e giugno, corrispondente alla migliore conservazione della farina, nonché la numerazione delle confezioni corrispondente alle quantità di prodotto denunciate ogni anno dagli aderenti al Consorzio.

Sito web del Consorzio di tutela del mais Marano: http://www.maismarano.it

Il futuro del “Marano”

mais marano Il manipolo di produttori maranesi capitanati da Giandomenico Cortiana – che hanno in paese un mulino del XIII secolo, cui affidano la macina dei preziosi grani rossi – ha una convinzione precisa: puntare sulla qualità paga. Vanno avanti su questa strada e non demordono. Non si fanno incantare dalle sirene della produzione intensiva. Sanno benissimo che il mercato del mais Marano è potenzialmente sterminato, sì, ma non è alla loro portata. Un conto è intensificare la produzione, obiettivo che perseguono con determinazione, un altro è gettarsi su un mercato agroalimentare incontrollabile. La sfida è improponibile. Non ci sono i numeri. E alla fine ci perderebbe solo la qualità. Cioè loro.

Ciononostante, il consorzio di produttori punta su un'espansione ragionata della coltivazione di mais. Un controsenso? No. Il mercato c'è, basta organizzarsi. E dovrebbe essere proprio la leva finanziaria a motivare nuovi investimenti: la semente del mais Usa costa molto meno, è vero, ma rende anche assai meno del mais Marano, che arriva a far incassare un milione per il raccolto di un campo.

Ma c'è anche un'altra direzione di sviluppo: l'agricoltura biologica. Già oggi un terzo dei produttori e un terzo dei terreni del consorzio sono dedicati alla coltivazione biologica del mais. Che, se è più pregiata comporta anche una diminuzione di circa il 30% del prodotto: da ogni campo si ricavano 10 quintali di mais Marano biologico (cioè 25 per ettaro) al posto dei consueti 15. Anche se la coltivazione biologica è assai più complicata e faticosa (il raccolto deve essere fatto a mano, sono vietate le mietitrebbie…) in teoria la domanda è immensa e finora non ha trovato risposte sul mercato. Spiegano al consorzio che non sono in vendita farine biologiche di mais per polenta. Quella di mais Marano potrebbe essere la prima.

Confraternita del mais Marano

Per questo prodotto esiste una confraternita: la Confraternita del Mais Marano

Traduttore automatico

Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Cerca nel sito

APP Sapori Vicentini

mobile devices

La APP "Sapori Vicentini - Proposte di turismo enogastonomico nella provincia del Palladio", realizzata dal Consorzio Vicenzaè, ti permette di rimanere sempre aggiornato su tutte le novità e le proposte riguardanti l'enogastronomia vicentina.

VICENZA CUORE DEL VENETO

veneto.to

vicenza-e-cuore-del-veneto

vicenza-patrimonio-unesco

Visita www.vicenzae.org,
il portale turistico di Vicenza
e della sua provincia.

Contattaci

Consorzio Turistico Vicenza è
Via Montale 25, 36100 Vicenza - Italy

Telefono: +39 0444 99 47 70
Fax: +39 0444 99 47 79

Web: www.saporivicentini.it

Pagina Facebook