Notizie di gusto

Campi di mais e capannoni che si alternano lungo la via, in cielo nemmeno una nuvola, nei polmoni l´aria calda della pianura, l´aria di casa.

Intorno alle tre di ieri pomeriggio, con più di 9 mila km sulle ruote, la Cinquecento gialla della Confraternita del baccalà ha ripercorso nuovamente le strade di Vicenza.

La via Querinissima è aperta. Il viaggio è finito, l´Europa del continente torna ad essere una cartolina, un ricordo felice, un´avventura da raccontare.

Chissà, forse anche il naufrago Querini avrà provato lo stesso connubio di sentimenti contrastanti quel 12 ottobre del 1432 avvistando Venezia all´orizzonte. Scorgendo casa, appunto.

Certamente, la soddisfazione per la bella avventura appena trascorsa appare evidente nella voce dello chef Antonio Chemello, coordinatore dei ristori della confraternita e "naufrago per scelta".

«La nostra - commenta - è stata un esperienza importantissima. Abbiamo alle spalle 9 mila km e dodici Paesi europei, la soddisfazione è tanta anche perché è stato un viaggio impegnativo, ben organizzato con una media di uno o due appuntamenti per tappa. Importante per quanto abbiamo fatto, raccontando il baccalà all´estero».

«La sfida nella sfida - racconta il coordinatore - è stata poi condividere questa esperienza in gruppo. Prima di partire ci si conosceva un po´ tutti, ma vivere e viaggiare insieme per un periodo così lungo è sempre difficile, invece tra noi c´è sempre stata una grande sintonia. Da un punto di vista turistico e di risultati si può dire che noi abbiamo piantato alcuni paletti, delle basi, poi starà a chi di dovere poterli sfruttare».

«La via Querinissima - conclude Chemello - è comunque aperta, come lo era stata in passato. A Brugge ci è stato mostrato un registro del 1300 con i nomi di molti mercanti veneziani e genovesi, gente che anche allora era molto rispettata e devo dire che l´interesse per il nostro paese continua».

Impressione confermata anche nelle ultime tappe del tour, Innsbruck e Bolzano, dove le amministrazioni locali hanno accolto in modo molto caloroso la spedizione della confraternita.

Nella città austriaca è stata anche consegnata la quinta targa della confraternita al ristorante "Solo Vino" per l´ottimo baccalà servito. Mentre in Italia, sotto la guida del sindaco Spagnolli, la spedizione ha potuto visitare la bella Bolzano. Qui è mancato l´assaggio, ma per ulteriori targhe ci sarà tempo anche in appuntamenti futuri.

Del resto, l´opera della confraternita non si esaurisce qui. «Questa esperienza e stato molto bella e impegnativa - è il commento di Fausto Fabris, vicepresidente della Confraternita del baccalà - ma pensiamo già al futuro, a partire dalla tradizionale festa di fine settembre a cui quest´anno si aggiungeranno le celebrazioni per il venticinquesimo anno dalla fondazione dellaconfraternità».

Insomma, il viaggio del baccalà continua.

Fonte Il Giornale di Vicenza, 2 settembre 2012

Traduttore automatico

Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Cerca nel sito

APP Sapori Vicentini

mobile devices

La APP "Sapori Vicentini - Proposte di turismo enogastonomico nella provincia del Palladio", realizzata dal Consorzio Vicenzaè, ti permette di rimanere sempre aggiornato su tutte le novità e le proposte riguardanti l'enogastronomia vicentina.

VICENZA CUORE DEL VENETO

veneto.eu

vicenza-e-cuore-del-veneto

vicenza-patrimonio-unesco

Visita www.vicenzae.org,
il portale turistico di Vicenza
e della sua provincia.

Contattaci

Consorzio Turistico Vicenza è
Via Montale 25, 36100 Vicenza - Italy

Telefono: +39 0444 99 47 70
Fax: +39 0444 99 47 79

Web: www.saporivicentini.it

Pagina Facebook